Manni Group, una politica di sostenibilità lungo tutta la filiera.

#BollediSalone • Francesco Manni, vice presidente di Manni Group, presso l’Università degli Studi di Verona – Dipartimento di Economia Aziendale – è intervenuto al giro d’Italia della CSR il 12 Aprile nella tappa scaligera. Un business integrato e una politica di sostenibilità: acciaio, pannelli isolanti, energie rinnovabili e servizi.

Manni Group, il percorso.

manni group

Il lavoro di Manni Group in Fiera Milano

Dal secondo dopoguerra inizia il viaggio del Gruppo Manni. Fondata da Luigi Manni, dal commercio di rottami alla trasformazione negli anni ’60,  con la Manni Prodotti Siderurgici, nel pieno boom dell’industrializzazione in Italia. Il passo all’attività industriale vera e propria si compie a Mozzecane (Verona) con il primo centro servizi di prelavorazione cui seguiranno le Officine Riunite dei F.lli Lancini a Crema.

Seguono le acquisizioni e nel 1995 nasce la holding Manni che nel 2000 diventerà Manni Group S.p.A., è da qui che prende il via l’internazionalizzazione con Isopan Ibérica in Spagna (2001) e l’apertura di Sipre France (2002). Manni Group non si è mai fermata procedendo a Bucarest e tra Lombardia e veronese con l’importante Centro Servizi Inox (nel 2008). Il business negli anni continua ad espandersi, con logica correlata. Si apre al fotovoltaico con Manni Energy nel 2011 e col nuovo piano strategico alla produzione di biogas e all’eolico. Nascono nuove società satelliti in Italia e in Germania, e si apre oltre oceano, avviando l’attività anche in Messico. Un piano industriale senza soluzione di continuità, una crescita che ha portato Manni Group ad avere oggi 12 società, 21 centri di produzione e servizi, 1000 dipendenti, 60 paesi serviti e un fatturato da 500 milioni di euro.

Il Business attuale di Manni Group. 

Sono tre i business aggregati di Manni Group. L’acciaio, tra Manni Sipre e Inox, rispettivamente  per costruzioni e di opere in metallo e prodotti in acciaio inox destinati a macchine da cucina, arredamento. Pannelli isolanti, con Isopan e le diverse controllate e il business energetico, rinnovabili e non solo, dove si punta all’efficienza con il led e il concetto “Siamo ciò che consumiamo“, puntando sul biogas.

Un business fatto di innovazioni di prodotto, di processo, un business integrato da una politica a base di sostenibilità. Per tenere in piedi un modello così ampio di business, è necessaria una visione dell’azienda con logica di integrazione e sopracitata correlazione tra le attività. La definizione di un piano, con obiettivi di performance e accountability, con l’assunzione di responsabilità degli impatti verso l’ambiente e la società. La rendicontazione, con il bilancio di sostenibilità annuale, evidenzia questo approccio. 

Manni Group: cambiamenti climatici ed economia circolare.

Ci siamo spesso imbattuti nel blog sul tema dei cambiamenti climatici, di aziende che fanno qualcosa di concreto per adattarsi a tali cambiamenti. Ebbene, Manni Group, nella sua politica di sostenibilità, integra gli obiettivi fissati alla conferenza Cop21, ponendosi l’obiettivo di ridurre le emissioni del 15% entro il 2021, il linea con gli obiettivi di outcome perseguiti dal gruppo, e a tal proposito Manni Group e Inox stanno evidenziando risultati importanti. 

L’altro step da ribadire ci porta alla relazioni. Partnerships strategiche in linea con gli obiettivi e i piani di crescita aziendale. Officinae Verdi Group, organizzatore tecnico per green economy e con Green Capital Alliance, una Società Benefit orientata alla diffusione dell’economia circolare e dell’ottica Life Cycle.  Citiamo tra le altre anche Habitech, promotore di REbuild e REbuilding Network, che Manni Group sostiene. 

Reportistica e strategy di lungo periodo.

Un percorso di sostenibilità lungo tutta la filiera, un dialogo inclusivo, collaborativo tra società e partner,  rafforzato da un codice etico, con specifici parametri di sicurezza e qualità da rispettare, rendicontati nel report di sostenibilità, come il focus sull’economia circolare, base della strategy: “da una prima analisi condotta sul 60% dell’acciaio acquistato da Manni Group nel 2016, risulta che più del 65% già proviene dal riciclo di rottami, un valore che l’azienda intende incrementare“(mannigroup.com). 

Il mantra “Building Future” si sposa col concetto di sostenibilità, un futuro sostenibile, grazie all’impegno che soprattutto le grandi imprese, date risorse e consumi, devono intraprendere per garantire il futuro alle generazioni che verranno, ma come spesso abbiamo ribadito, il futuro è già oggi.

Unisciti a Greenhold

A te la parola

commenti