Come si fa ad accorciare la filiera di produzione?

La Saponaria, cosmetica consapevole, si presta ad esempio concreto per capire in che modo sia possibile accorciare la filiera. Arrivare direttamente al consumatore. Il prodotto a km 0, vero, puro e genuino. Senza ingredienti chimici, solo naturali, sostenibili e anche vegan. L’azienda marchigiana “La saponaria” si basa sulla filiera corta e la produzione artigianale ecologica.

filiera corta

I prodotti di cosmesi naturali.

L’impresa ha lanciato i primi saponi sostenibili in un Gruppo di Acquisto Solidale, proseguendo poi sulla stessa linea di prodotti a base di oli extravergine, ingredienti biologici ed equo solidali. La formula di produrre secondo il rispetto dell’ambiente è la ricetta vincente dell’azienda che ha ampliato sempre più la produzione tramite il contatto diretto, la cosiddetta filiera corta, portando gli utenti a provare e apprezzare direttamente le proprie qualità. L’uso della canapa, la rinuncia all’olio di palma, il confezionamento ecologico e un prezzo equo sono tra i solidi punti di forza dell’azienda.

Creme, shampoo e altri prodotti tutti realizzati con amore in laboratorio artigianale, appoggiandosi a piccoli produttori locali per la vendita diretta.

“Mondo più pulito: la filiera dei nostri prodotti (dalla scelta delle materie prime alla produzione e distribuzione) è etica e sostenibile per preservare questo mondo per il futuro dei nostri figli” (saponaria.it)

Le scelta delle materie prime de “La saponaria” sposa la direzione aziendale ecosostenibile. Parliamo di oli e burri vegetali, naturali al 100%, oli essenziali totalmente in purezza, emulsionanti e tensioattivi di origine vegetale. Anche il packaging è fatto con scelte puramente ecologiche per consentirne il riciclaggio oltre che attrattive. Colpisce l’utilizzo dei semi di canapa, altamente ricchi di proteine e vitamine, vitali per la salute.

I segreti per la filiera corta.

Al timone l’autoproduttore specializzato Luigi e la creativa Lucia. Le basi per garantire la filiera corta si basano sulla tradizione dell’autoproduzione, la ricerca continua, la stretta partnership coi produttori locali. Dalle materie prime al servizio diretto al consumatore finale, la cui domanda per prodotti meno impattanti sull’ambiente è sempre maggiore. La crescita del biologico in Italia e delle nuove attenzioni rivolte all’ambiente e alla tutela della salute dell’uomo, ma anche del mondo faunistico (la Saponaria aderisce alla lista VIVO Cruelty Free), si riversa nel successo dell’azienda di cosmesi. Ricette semplici, eco compatibili e di qualità. C’è n’è per tutti i gusti, dalle creme dopo sole ai saponi e scrub, corpo, capelli, viso e ricette per i più piccoli con le albicoccole

Cosa sta nel mezzo? Beh, ecco che parliamo dei G.A.S., Gruppi di Acquisto Solidale, i cui membri fruiscono dei prodotti dei locali, scegliendo su una serie di standard etici, sociali, ambientali. Tessere una buona rete di relazioni, garantendo un prezzo equo (Standard Fair for Life), è l’altro “segreto” per una filiera, accorciata per l’appunto, di successo. 

L’impegno equo solidale.

La Saponeria è inoltre protagonista ogni anno alla Fiera 4passi di Treviso, a conferma del forte impegno non solo a portare i prodotti direttamente a servizio dei consumatori, ma anche a sensibilizzare sempre più sui segreti nutrizionali che nascondono determinati oli e altre materie prime, come gli stessi semi di canapa. L’alta specializzazione conseguita dai responsabili dell’azienda consente di poter scoprire anche di persona i segreti del successo di un business come quello biologico. Passione, responsabilità e consapevolezza sono i principi che guidano il gruppo di cosmesi a fare nel proprio piccolo un contributo importante a un mondo sempre più in evoluzione.

LEGGI ANCHE: Fiera 4passi, volontari per l’equo solidale.

Filiera corta e responsabilità.

La scelta orientata al biologico e il relativo impegno di certificazione lungo tutta la filiera produttiva garantisce in primis la giusta retribuzione ai coltivatori terrieri a conduzione familiare, ma altresì la certezza per l’utente finale di fruire di un prodotto responsabile dal minor impatto sull’ambiente e sulla salute. Gli oli essenziali in quest’ottica sono prodotti equo solidali di Phalada Agro Search Foundation, forte sostenitrice dei produttori locali e impegnata a diffondere una cultura green e solidale come la spinta all’utilizzo della medicina ayurvedica o i progetti per l’alfabetizzazione delle zone rurali.  La saponaria fornisce prodotti salubri, ma anche di grande qualità, e dunque.. molto buoni!

Unisciti a Greenhold

A te la parola

commenti