Tornano le Giornate del FAI di Primavera, ecco una guida per 25 e 26 Marzo.

Tornano le Giornate del FAI di Primavera, 25-26 Marzo occasione per visitare oltre 1000 siti aperti al pubblico.

FAI di Primavera, 25-26 Marzo.

Il Fondo Ambiente Italiano ci regala anche quest’anno un’imperdibile occasione. Le Giornate del FAI tornano il 25 e 26 Marzo 2017 con più di 1000 luoghi da visitare, patrimonio italiano di storia, cultura e ambiente.

Sono 25 anni che le Giornate del FAI permettono a tutti, con una fetta di luoghi riservati tuttavia ai soli iscritti alla Fondazione, di cullarsi tra la bellezza dei nostri beni, patrimonio nazionale storico, ma anche estetico. E allora siate pronti a farvi guidare in tutta Italia attraverso luoghi che spesso dimentichiamo, sottovalutiamo, scappando all’estero cercando la fuga dalla quotidianità. Un patrimonio che sfugge, che a volte non curiamo, non valorizziamo. Le Giornate del FAI nascono proprio con questo intento: dare valore e distribuire questo valore alle persone.

Giornate del FAI: l’Itinerario, partiamo dal Sud.

FAi

Facciata esterna del Palazzo Bonaventura a Giarre.

Partiamo dal meridione, ricco di storia e fascino da ammirare. In Sicilia potremo partire dalla storica Basilica collegiata di San Sebastiano a Acireale, barocco del 1600,  passando poi per la “meteora liberty” del Palazzo Bonaventura di GiarreRisalendo, in Calabria, potremo fare una sosta a Rossano nel cosentino all’affrescatissima Cattedrale di Maria Santissima Achiropita

Da non perdere in terra pugliese, l’Anfiteatro Augusteo di epoca romana, tra i più antichi del Sud, a Lucera (FG), conservato nella sua storica bellezza. A Massa Lubrense (NA) il fantastico panorama della Baia di Ieranto da cui ammirare l’antico Promontorium Minervae, Monte San Costanzo e Monte Croce e la spettacolare Capri

Giornate del FAI: centro Italia nel cuore..

Purtroppo un pezzo di storia e bellezza è stato portato via, pensiamo all’Abruzzo e ai piccoli borghi laziali devastati dal terremoto. Nei dintorni le giornate del FAI ci offrono a Celano, Castello Piccolominidanneggiato nel terremoto del 1915 e restaurato, e ad esempio la Chiesa S.Maria delle Grazie a Luco dei Marsi (AQ) e l’antico monastero benedettino affacciato al lago Fucino. Siete a Roma? Beh andate a vedere la Domus Aurea, antica residenza di Nerone aperta solo domenica 26. Nelle Marche, a Monteleone di Fermo Palazzo Fabiani Simonelli (solo per iscritti FAI), mentre ad Assisi nell’umbro, il sindaco Stefania Proietti guiderà i visitatori sulle tracce del “Sanguinone”.

fai

Il Cinema Modernissimo.

 

In Toscana, tra i luoghi del cuore alle Giornate del FAI troviamo l’Abbazia di San Salgano nel senese (Comune di Chiusdino) nonchè le tombe etrusche a Volterra (Località San Girolamo). Curioso ritorno in Emilia, infatti riprende vita il Cinema Modernissimo proprio nel cuore di Bologna, in Piazza Maggiore. San Martino Spino (MD) ospita invece la Zona Militare “Portovecchio” – Centro Allevamento Quadrupedi con tanto di concerto finale e ricco spazio alle degustazioni locali. Siamo vicino a Mirandola, altra area che ha bisogno di noi..

Giù al nord..

Giornate del FAI anche al Nord, ad Ovest l’affascinante Borgo di Rivara (TO), dove gli apprendisti ciceroni ci porteranno a visitare il paese; a Milano, nascosta tra le vie del centro, Villa Necchi Campiglio, o se amate il Teatro vi consigliamo un dietro le quinte al Piccolo Teatro Grassi, sede storica del Piccolo. Nel Triveneto, curiosate tra  il Caveau di Palazzo Leoni Montanari a Vicenza, e in quel di Padova, a due passi dal “Santo”, dove si cela il Giardino RomiatiIn Trentino occhi su Daiano con più luoghi da vedere e una passeggiata tra i boschi da non perdere, mentre in Friuli consigliamo la Fontana di Silansa Gemona del Friuli (UD).

25-26 Marzo, lasciatevi contagiare..

Sono solo alcune delle meraviglie nascoste da condividere con i cittadini che le giornate del FAI metteranno a completa disposizione per tutti. 25 e 26 Marzo, lasciatevi contagiare dalla bellezza dei nostri luoghi. Uscite e non ve ne pentirete!

 

Unisciti a Greenhold

A te la parola

commenti